Sigla dei programmi in Eurovisione: Te Deum di Charpentier.

Il preludio. Unisono. Note colorate.

Poche cose come questa sigla raccontano delle origini comuni della cultura europea. Come di una corrente sotterranea che oltrepassando i limiti nazionali e talvolta assumendo colorazioni diverse unisce terre confinanti.

C’è un inno nato per ringraziare Dio, composto da un francese studente a Roma che ha lavorato a Parigi durante il regno di Luigi XIV. Secoli dopo, quando la televisione nasce nelle varie realtà nazionali, questo stesso inno viene scelto per rappresentare un’idea: che l’identità nazionale raccontata attraverso le trasmissioni televisive può contribuire a solidificare l’idea di Europa anche come identità politica.

Siamo nel 1954 e le emittenti televisive europee sentono la necessità di coordinarsi per regolare le trasmissioni in Europa. Con la nascita dell’Eurovisione, la sigla famosa con la ghirlanda di raggi diventa in tutta Europa e per tutte le emittenti televisive il segnale di una trasmissione che oltrepassa i confini nazionali. Il commento sonoro è affidato al Te Deum H 146 di Marc-Antoine Charpentier.

Il Te Deum H 146 non è musica di origine popolare. Il compositore è Marc-Antoine Charpentier, compositore francese che ha studiato a Roma. Il periodo storico è la seconda metà del 1600. E’ musica barocca, il regno è quello di Luigi XIV Re Sole, ma anche musica sacra, perchè il Te Deum è un inno di ringraziamento a Dio.

schema note spartito eurovisione

eurovisione te deum spartiti per bambini

Scarica pdf (clicca sulla stampante):

stampante- luiraffimarti

Ascolta:

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato e non verrà diffuso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.